Recensione Nokia Sleep: controlla il sonno e spegne le luci

13 Giugno 2018 93

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

C'è un libro famoso sugli effetti del sonno nella nostra vita. Si chiama “Night School: Wake up to the power of sleep” ed è tradotto da noi come “Il potere del sonno”. Io non l'ho ancora finito ma posso già consigliarlo a chi si crede interessato verso queste cose. A dire il vero sarebbe da consigliare a tutti gli essere viventi (perché il sonno è imprescindibile) ma è una lettura secondaria, chiaro, da iniziare quando si ha voglia e tempo, non prima di un Proust, di un Guareschi o un manuale sull'arte del colore.

Comunque sia, leggere di quegli argomenti mi ha fatto interessare a Nokia Sleep, un sensore per il monitoraggio del sonno con funzionalità per l'automazione domestica. Tradotto, significa un tappetino spesso 5 mm e lungo 64 x 19 cm, tipo uno di quei piccoli asciugamani da palestra, da mettere sotto al materasso per avere un resoconto giornaliero, settimanale e mensile sulle nostre ore di riposo - e anche per controllare alcuni apparecchi smart di casa. Ci dormo sopra da un sette settimane.

Nokia Sleep costa 99 euro. Presentato a CES 2018, è stato il primo dispositivo lanciato dalla nuova divisione Nokia Digital Health. Prende il posto di quello che fu Withings Aura, togliendo i LED luminosi e la sveglia, e aggiungendo l'integrazione con IFTTT (If This, Than That).

Nokia Sleep tira fuori cose semplici come la durata totale del sonno, quanto tempo è passato prima di addormentarsi, quante interruzioni abbiamo fatto durante la notte. E cose più avanzate: le diverse fasi del riposo (REM, leggera, profonda), il battito cardiaco (medio, massimo, minimo), se abbiamo russato o meno (un microfono integrato ascolta e cattura, ma non registra - peccato!), e tutta una serie di statistiche ricavate confrontando le notti precedenti, quindi la costanza, le differenze tra una settimana e l'altra, tra mese e mese. L'obiettivo è assegnare un punteggio finale, un indice di valutazione, in scala da 0 a 100.

Nokia Sleep: prima di dormire

Considero Nokia Sleep l'accessorio smart più discreto tra quelli provati. Lo metti sotto al materasso, colleghi il cavo USB al suo alimentatore, e completi la procedura di primo avvio dall'app Nokia Health Mate (Android e iOS). Fine. Ha il Wi-Fi integrato quindi sincronizza da solo. Si può controllare l'app ogni giorno per vedere le statistiche o dare un'occhiata soltanto a quelle settimanali o mensili, le stesse che si possono ricevere anche via e-mail, il lunedì mattina.

Sulla qualità costruttiva e la scelta dei materiali non ho molto da dire. Anche perché è un oggetto che non va toccato, non va esposto. Di tanto in tanto sono andato a controllare la sua temperatura, perché ho pensato che lasciarlo sempre acceso - come effettivamente va fatto - avrebbe potuto scaldare il suo tessuto grigio chiaro. Ma la mia mano infilata sotto al materasso ha sempre sentito una temperatura ambiente. L'alimentatore è un comune USB 5V 1A quindi può essere lo stesso che usate per lo smartphone, magari con due prese: una verso il Nokia, l'altra al cavo di ricarica del telefono.

Ho altri due suggerimenti. Anzitutto il cavo USB intrecciato è lungo, quindi non dovrebbe essere un problema collegarlo alla presa elettrica del comodino.

Nokia Sleep misura 64 x 19 mm, ed è spesso 5 mm.

Poi c'è da considerare che Nokia Sleep controlla solo un lato del letto. Se dormite in coppia non è un problema: serviranno comunque due tappetini e due app per controllare due persone. Ma se dormite soli, e non avete un letto singolo ma uno alla francese, un matrimoniale (beati voi!) o quelle strane misure di Ikea, ecco che installare il tappetino su un lato potrebbe precludere il controllo dell'altro, e sappiamo benissimo che di notte, soprattutto adesso d'estate, è tutto un cappottare di qua e di là in cerca di fresco. Una soluzione potrebbe essere (perché non l'ho provata) quella di installare Nokia Sleep al centro del letto, ma dovete fare due calcoli e valutare quanti centimetri “scoperti” resterebbero ai lati. Vi evito uno scrolling: è largo 64 cm.

Al contrario, lo spessore del materasso non deve preoccuparvi, perché Nokia dichiara la compatibilità con modelli dai 10 ai 40 cm.

Nokia Sleep: la mattina dopo

Quindi vi mettete a letto come sempre, dormite come sempre, e la mattina vi alzate come sempre. Nokia Sleep userà i suoi sensori per registrare i dati del battito cardiaco, la respirazione, la vibrazione di una eventuale russata, i movimenti bruschi (vi siete alzati per fare la pipì?) e quelli minori. Da questi dati, tirerà fuori le schermate che vedete sotto.

Questi resoconti sono una delle parti migliori di Nokia Sleep. L'interfaccia è chiara, colorata in modo da far capire subito dove il riposo ha avuto un problema, volendo approfondita e volendo semplice. Ogni sezione è spiegata e commentata in base ai risultati mostrati. Ci sono i dati giornalieri, settimanali o mensili. C'è l'integrazione con gli altri dispositivi Nokia Health, magari la bilancia Body uno degli orologi Steel o Activité, o altri sensori Nokia/Withings.

Sono importanti: l'analisi della "Profondità", con i dettagli sulla composizione del riposto, le varie fasi; la zona "Interruzioni", per controllare a che ora abbiamo interrotto il ciclo di sonno; "Ora di dormire", dove il sistema ci dice quanto tempo abbiamo impiegato per addormentarci.

Qua c'è un limite, perché questo è un dato da interpretare. Gli algoritmi di Nokia Sleep tollerano una fase di pre-sonno lunga (al massimo) 20 minuti; oltre, la considerano dannosa per il riposo. La procedura ideale associa la camera da letto al sonno, ad un ambiente dove si va solo per dormire, non per rilassarsi. Ma chi è abituato a leggere un libro prima di addormentarsi, magari per un'ora o più, si troverà penalizzato nella valutazione finale. La buona notizia è che si possono modificare manualmente i dati che riteniamo sballati.

Utilissime, infine, le analisi della "Frequenza cardiaca" (media, bassa e di picco - da quel che vedo credibile considerando i miei ritmi), e la sezione "Russare". Qui Nokia Sleep usa un microfono integrato per capire se stiamo russando, quindi memorizzare il numero di episodi e calcolare minuti e percentuale rispetto al complessivo. Si può disattivare dalle impostazioni. Il sistema è intelligente perché intreccia queste letture con le oscillazioni del nostro respiro, cercando di capire se arrivano dalla persona che sta appoggiata sul tappetino. Io, di solito, non russo. Alla mia ragazza, al contrario, capita. Se vado a guardare i grafici, scopro episodi rari attribuiti al mio riposo; difficile capire se il sistema ci ha preso o no senza poter ascoltare una traccia audio.

L'app Nokia Health Mate può fare altro: attivare dei promemoria per facilitare l'avvicinamento alle ore di riposo, oppure monitorare per otto settimane i dati registrati nel programma chiamato "Sonno Smart" con l'obiettivo di tirar fuori una valutazione a lungo raggio. Infine, c'è l'integrazione con Google Fit, IFTT, MyFitnessPal, RunKeeper e Nest.

Nokia Sleep: cos'altro può fare

Nokia Sleep con IFTTT serve ad usare il tappetino come dispositivo di input. È per questa integrazione che Nokia lo chiama "Automation Pad". In breve, si può far spegnere le luci Philips Hue o Yeelight quando ci sdraiamo, passare alla modalità silenziosa sullo smartphone, regolare il termostato Nest in un certo modo, o salvare su un Foglio di Calcolo Google certi dati.

Tutto funziona, anche se il più delle volte servono minuti (e non secondi) per vedere gli effetti di queste "applet". E questo può andar bene per certe cose (come il cambio di profilo sul telefono) ed essere limitante su altre. Quel che stona, soprattutto, è il numero di script presenti: ad inizio giugno 2018, sono soltanto dieci. Potrebbero aumentare, certo. Ma, al momento, non credo ci siano argomenti sufficienti per definire Nokia Sleep un dispositivo per l'automazione domestica.


Nokia Sleep è composto da una scheda centrale (bianca) e un cuscinetto sensibile alla pressione.

Anche perché la maggior parte di queste regole sono poco utili. Non sarebbe meglio far spegnere le luci quando ci siamo addormentati anziché appena sdraiati a letto? Il tappetino dovrebbe riconoscere la differenza (o lo fa soltanto l'app?). E non avrebbe fatto comodo sfruttare il controllo della respirazione per attivare una sveglia che scelga il momento migliore, data una certa fascia oraria, per accendere le luci con una particolare scena e far partire un altoparlante collegato - ma anche lo stesso smartphone - con un suono piacevole e crescente?

Svegliarsi con una "modalità alba", visiva e sonora, darebbe un senso diverso al prodotto. Di fatto, Nokia si limita ad analizzare i dati raccolti durante il riposo anziché usarli per darci dei consigli su come migliorare il riposo. Dopo qualche mese di utilizzo, i suoi server dovrebbero conoscere bene le nostre abitudini. Nel complesso, per quel che riguarda l'automazione, si ha la sensazione di un sistema ancora in beta, poco sfruttato. Buona notizia l'integrazione con Amazon Alexa, prossima in Italia; al momento si può solo chiedere all'assistente vocale qual è il punteggio del sonno precedente, ma ci potrebbero essere novità.

Considerazioni finali

Nokia Sleep non è diverso dalle app per smartphone di controllo del sonno, e neanche alle funzioni notturne dei vari braccialetti Fitbit. Ma ha dalla sua un'app davvero piacevole da controllare e, soprattutto, ha il grosso vantaggio di essere un dispositivo indipendente, del tipo da mettere sotto il materasso e poi dimenticare. Per chi trova fastidioso dormire con un orologio al polso, per chi non vuole lo smartphone sotto le lenzuola, questo fa la differenza. Si aggiungono statistiche avanzate che altri prodotti non hanno (lettura del battito cardiaco e monitoraggio del russare) e l'automazione domestica con luci Philips Hue o Yeelight, con il termostato Nest, con lo stesso smartphone. Minimale, ma presente, l'integrazione con Amazon Alexa.

Di contro, è inspiegabile la mancanza di una qualsiasi funzione sveglia, e c'è un supporto ancora basilare e vincolante a IFTTT. Tutte cose che si potrebbero aggiungere con un nuovo firmware, ma che potrebbero restare così come sono vista la recente vendita della divisione Nokia Health al fondatore di Withings, Eric Carreel. L'azienda ha confermato il supporto ai prodotti in commercio, ma è inutile nasconderlo: questa decisione non fa bene all'aura del prodotto. Se vi basta quel che Nokia Sleep è adesso, se volete un dispositivo indipendente per analizzare le ore di sonno, scoprire apnee notturne, cercare di capire perché al mattino vi sentite stanchi, Nokia Sleep resta una buona idea. Altri dettagli su nokia.com.

Nokia Sleep: pro e contro

Comodissimo: si mette sotto al materasso e si dimentica.Resoconti giornalieri, settimanali e mensili di qualità.Ha sensori per il battito cardiaco e il russare.
Non ha la sveglia.L'automazione domestica è limitata (e poco utile).


93

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
alex canova

me lo chiedo anch'io

digitalfranz

Io ce l'ho e l'ho programmato per far si che quando scendo dal letto si accende la luce in cucina e in bagno, e quando vado a letto si spenge la luce centrale della camera...e lo trovo di una comodità fantastica.
Riguardo all'utilità, dipende da quella che gli attribuiamo noi, per me lo è..nei limiti della sua tecnologia.

~benzo

ahahahah hai rosicato, bene, ti aspetto nei prossimi articoli Massimo.
C ya

Maxim Castelli

Smettiamola con questo commento da bimbino, su.

~benzo

Comunque è Massimo, non Maxim.

efremis

Mamma che simpatia

Maxim Castelli

No detto sospensione, non ho parlato di blocco.
Attenzione.

TLC 2.0

bloccami, mi fai solamente un favore guarda, almeno non leggo le tue scempiaggini..va bene cosi o devo essere più delicato per la tua pancina da bimbo sensibile?

Maxim Castelli

No turpiloquio, pena la sospensione.

TLC 2.0

Emerito cogli0ne, lo sanno tutti che Aster è straniero, ma solamente tu ti stai lamentando

Maxim Castelli

Ma non è una battaglia. È uno piacere.

Loris Piasit Sambinelli

battaglia, crociata, combattimento, chiamala come vuoi! quindi sei ancora dei nostri?

Loris Piasit Sambinelli

si ma passa troppo tempo e mi perdo esattamente dove ero rimasto con le punte tv o filme sopratutto bisogna anche ricordarsi di impostare l'auto spegnimento (io non mi ricordo mai:))

Miss Psyco (Disagio)

Mah, se io dormo male, non ho bisogno di un aggeggio che me lo dica. Ho bisogno di una soluzione concreta, cosa che questo bagaglio non rappresenta.
Notte a tutti

Maxim Castelli

Battaglia?

efremis

Sì, te l'abbiamo già spiegato. E mettilo davanti please.

Vincenzo

Dopo 4 ore però...

SaiMoN

AHHH la pigrizia che brutta bestia
già ci pensa la tv a spegnersi da sola per inattività.

Loris Piasit Sambinelli

questo coso potrebbe avere una utilità pazzesca. Ovviamente non è stata integrata.
Quando riconosce che ci siamo addormentati da 5 minuti , mette in pausa neflix (o il programma che stiamo vedendo) e spegne la tv. Sarebbe di una comodità unica

Loris Piasit Sambinelli

è da un po che non ti vedevo qui con la tua battaglia pro italia! dove eri finito? male al pancino?

Tiwi

prodotto molto interessante, prezzo giusto secondo me

P.s. per il video, trovo una cavolata lasciare 5 minuti di video cosi tanto per..avrei preferito che terminasse alla fine della recensione :D

Maxim Castelli

Bene. Facendo così posso parlar di qualsiasi argomento?

TheBestGuest

Attendo qualcosa di simile by Xiaomi.. sarebbe interessante fare una video recensione sull'ecosistema di Xiaomi

SamBeOne

Mettere sotto il mio materasso qualcosa di collegato alla corrente. Stica, non esiste (vale anche per termocoperte ed altre amenità ).

Damiano

Ma come caspita fa a controllare il battito con 30 cm di materasso sopra?

Shrek

Chi?

Shrek

È quello che dovresti scrivere tu prima di ogni messaggio.

Error 404: Name not found

esatto... generalmente un contributo a una discussione internet è chiamato off-topic od OT ("fuori tema") se non è inerente all'argomento generale della discussione

Aster

Non è nelle mie priorita nella vita,dillo al correttore automatico,e lui che decide cosa scrivere ad uno frustrato con la mania di persecuzione.

Maxim Castelli

Prosegui pure allora con l'italiano da settima elementare.
Ciao ciao.

Aster

Ti ho gia detto che non prendo in considerazione commenti da un pezzente razzista come te.

Maxim Castelli

L'ho.

Maxim Castelli

Cosa?

Maxim Castelli

È analfabeta?

Maxim Castelli

Fammi capire...metto OT all'inizio della frase e posso parlare di quello che voglio?

Maxim Castelli

Lo sai che quando vedi "out of stock" vuol dire "esaurito"?

Riccardo

Grazie, ci avevo fatto caso nel video. Alla fine rientra nelle misure... È solamente 30 cm mi ero fatto ingannare perché ho anche la rete molto alta

Giorgio

Puttanata atomica, uno se dorme male se ne accorge dopo un paio di notti, nn occorre certo il tappetino

Gunny35

Lanceranno anche il nokia shit, da mettere nel wc per controllare quantità e qualità

ghost

In teoria dato che stai dormendo dovrebbe essere peggio perchè influisce sul sonno.

Onan Il Rabarbaro

Comunque dovremo morire.

Frazzngarth

Ma poi escono patch di sicurezza indispensabili anche per questo?

Aster

Si quello me lo hanno regalato anche a me ma non lo abbiamo mai usato,ora lo prestato ad una amica.

Frazzngarth

Occhio che fra poco salta fuori un'orda assetata del tuo sangue ululante "è il progressoooohhh" "il mondo va avantiiihhhh" "con questi ragionamenti dormiremmo ancora sulle pietreeeeehhh" "non escono abbastanza aggiornamenti di sicurezza per il materassino del sonnoooooohhh"

Idkfa

Io uso angelcare, monitora il respiro e suona se il bimbo non respira, in più ha una cornetta staccabile che riproduce i rumori e suona anche quella se il bimbo non respira

Idkfa

Si collega in via perpetua al wifi.. io sopra un router non ci dormirei e neppure su questo accessorio

Fabios112

G6 proprio senza ombra di dubbio. G6 è pur sempre un top di gamma, dell'anno scorso ma è un top di gamma.

Fabios112

Utile per controllare se la moglie dorme quando vai due settimane all'estero per lavoro.

Emilio Groppetti

francamente penso che sia l'ultimo dei nostri problemi in tema di inquinamento elettromagnetico

Mala

Trovo questi dispositivi estremamente inutili, o meglio, sono divertenti e ti puoi vedere qualche statistica simpatica ma dal punto di vista funzionale per migliorare il riposo non valgono nulla secondo me.
Per misurare la qualità del sonno con dati oggettivi non bastano i sensori di cui è dotato questo apparecchio e a meno che non abbiate problemi clinici evidenti è la sensazione di riposo che al mattino si ha che è importante. Si tratta di un parametro soggettivo, e si migliora con un miglior stile di vita che il vostro medico di fiducia vi può dare e che ormai sono facilmente reperibili anche su internet.
Se vi sembra di dormire male o non vi sentite riposati alla mattina andate da un medico che vi indirizzerà in centri specializzati dove il vostro problema viene indagato ed eventualmente trattato.

PocoPhone vs Honor Play vs Nokia 7 Plus: confronto | Video

Nokia 7 Plus: fotocamera Stock Vs Google Camera | Confronto fotografico #GCamMod

Nokia 7 Plus: come scatta le foto e gira i video | Focus

Nokia 7 Plus (3800mAh): LIVE batteria | Fine 21.35